OTOPLASTICA


DEFINIZIONE, OBIETTIVI E PRINCIPI


L’eccessiva proiezione del padiglione auricolare può essere  la causa di disagio psicologico nei rapporti con gli altri e causare delle turbe del comportamento nei bambini.

E’ consigliabile proporre il trattamento chirurgico necessario alla correzione della anomalia morfologica quando il bambino fa diretta richiesta al  genitore manifestando il disagio quotidiano del rapporto con i compagni .

La motivazione del piccolo paziente è molto importante, se la voglia  di correggere la deformazione e porre fine a questa sofferenza psichica è tale che il bambino collabora con il chirurgo allora l’intervento chirurgico per modellare il padiglione auricolare si pratica in anestesia locale .
 
La presenza dell’anestesista é consigliabile perché con la somministrazione di farmaci per via endovenosa può essere utile per ridurre la tensione nervosa ed il dolore dell’ago sentito al momento dell’anestesia locale.

L’intervento si pratica con una cicatrice effettuata dietro il padiglione auriculare.

Una piccola incisione di 3-4 mm é fatta sulla faccia anteriore al margine superiore dell’orecchio.


I RISCHI


 Dopo l'intervento sarà fatta una medicazione che le avvolgerà la testa  come un turbante.
Questa deve essere cambiata il giorno dopo per controllare se non ci sono ematomi, l'unica importante complicanza locale immediata.


CONVALESCENZA

La somministrazione di antibiotici per quattro-cinque giorni è prevista per prevenire eventuali infezioni locali.

Dopo l’intervento la paziente accusa dolore normalmente durante le prime 48 ore,  poi permane un fastidio che si attenua nei giorni successivi.

La medicazione é  fatta più leggera dopo 48 ore,ma comunque deve essere tenuta per una settimana.

Successivamente per quindici giorni durante la notte dovra usare una banda elastica ,tipo fascia per tennis, o per tenere i capelli, al fine di evitare traumatismi alle orecchie sul cuscino.
I fili cadono da soli.

Localmente, raramente la cicatrice può diventare un keloide( cicatrice  spessa come un cordone, pruriginosa e dolorosa) cosa che necessiterà un trattamento con cortisone per attenuare l'evoluzione.

L’evoluzione in keloide della cicatrice é generalmente legato a un problema di cicatrizzazione proprio del-la paziente.

GALLERIA DI FOTOS


Prima

Dopo

 

Prima

Dopo